Il futuro della banca on line: PSD2 e Open Banking

Il futuro della banca on line: PSD2 e Open Banking

Come abbiamo visto, all’inizio del 2018 è entrata in vigore la cosiddetta PSD2 ed è ufficialmente iniziata quella evoluzione (o rivoluzione) destinata a cambiare il modo di intendere e gestire i pagamenti e il modo di intendere i servizi bancari, come quelli di banca on line. La PSD2 rappresenta infatti un fenomeno in grado di ridisegnare lo scenario e il mercato europeo dei pagamenti e di tracciare una vera e propria linea di rottura con il passato. Nella novità promossa dalla PSD2 si trovano le premesse di un modo di fare banca più aperto, più accessibile, più facile, tanto per i clienti quanto per le imprese, che è stato battezzato dagli esperti “Open Banking”.

Che cos’è l’open banking? Grazie alla direttiva PSD2, i clienti di una banca on line o tradizionale potranno effettuare pagamenti e accedere a tutte le informazioni utilizzando applicazioni realizzate da aziende di terze parti (TPP), in grado di far dialogare in modo sicuro i vari sistemi che operano su tutta la filiera dei pagamenti digitali. In pratica, sarà possibile acquistare e pagare un prodotto online interfacciandosi direttamente con la propria banca senza intermediari, con evidenti vantaggi in termini di efficienza, di riduzione dei costi e di procedure di rimborso più rapide.

La PSD2, inoltre, imporrà di rivedere le regole relative ai pagamenti effettuati con tutti gli strumenti digitali (quali online, mobile, bancomat, carte, app, wearable) regolando le transazioni effettuate tanto dagli utenti quanto dalle aziende. La direttiva intende infatti rendere più sicuri i pagamenti digitali e l’ecosistema di servizi e di accesso ai dati che li accompagnano. A tal proposito, la PSD2 contiene indicazioni stringenti per quanto riguarda le verifiche e gli audit periodici sui fattori chiave di performance (KPI) dei parametri di sicurezza. In questo modo, la normativa apre allo sviluppo di nuove misure di protezione che devono garantire maggiore tranquillità ai consumatori, in un contesto (quale quello digitale) dove l’innovazione implica anche il continuo sviluppo di possibili minacce.

Il potenziamento dei pagamenti digitali propugnata da PSD2 passerà anche attraverso l’evoluzione dei device che permettono di attuarli: il mobile payment è una realtà e lo diventerà anche l’Internet of Things payment – ovvero il pagamento tramite oggetti intelligenti, come gli apparati per la gestione dell’energia, che in in una logica di “smart home saranno in grado di misurare e pagare per i servizi erogati in completa autonomia. Rispetto a queste novità, ci si aspetta una crescita esponenziale del settore Fintech, legato al rapporto tra finanza e innovazione tecnologica, che nei prossimi anni potrà approfittare della possibilità offerta dalla PSD2 di instaurare una nuova relazione tra banca e cliente, basata sull’utilizzo decisivo dei big data.

Sono tante le novità in vista per tutte le persone che vogliono scoprire un modo nuovo di gestire i propri risparmi e investimenti. Se volete cominciare con una banca on line che vi garantisca assoluta trasparenza su “cosa” pagate e “quanto”, mettetevi in contatto con noi: vi garantiremo un servizio affidabile, tagliato su misura per uno stile di vita globale.