Covid 19: come il mondo sta imparando a gestire la ripresa!

Covid 19: come il mondo sta imparando a gestire la ripresa!

Ora che tutto il mondo inizia a riprendersi dalla pandemia di Covid 19, la domanda principale riguarda soprattutto, la reazione dei mercati di tutte le nazioni.

Secondo varie stime il successo delle vaccinazioni e il sostegno delle politiche fiscali, hanno dato il via ad un rimbalzo post pandemico dell’economia, che dominerà il biennio 2021-22. È in corso una fiammata inflazionistica che si prevede sarà transitoria, ma che allo stesso tempo, vedrà un rapido recupero dei livelli pre-crisi che potrebbe portare l’anno prossimo, ad una restrizione della politica monetaria soprattutto negli Stati Uniti e in Europa.

Mercati Finanziari
Mercati Finanziari

Nello specifico, effettuando un’accurata analisi su ognuno degli stati possiamo vedere che:

Negli Stati Uniti ad oggi ci sono degli eccessi di domanda con un’inflazione in rialzo; l’espansione è solida e la crescita prevista è del 7.5% nel 2021 e del 4,3% nel 2022.

Stati Uniti
Stati Uniti

Nell’Area Euro invece ci sarà un ritardo, nonostante ciò però la ripresa è iniziata in primavera ed accelererà quest’estate, per poi consolidarsi nei trimestri successivi grazie alla politica fiscale che dovrebbe confermarsi espansiva.

Per la Germania ci sarà un ritorno ai livelli prima del Covid già nel secondo semestre del 2021. Anche se la crescita sarà meno forte della media con una stima del 3,5%, è attesa una significativa ripresa nel 2022 con il raggiungimento di livelli pari al 4,9%.

Germania
Germania

Anche la Francia può contare su una ripresa nella seconda metà dell’anno. Nessun problema quindi per l’economia stagnante durante il secondo trimestre dell’anno, a causa del ritardo nell’attuazione delle misure di contenimento della pandemia.

Francia
Francia

Gli indici di fiducia uniti agli ottimi risultati della campagna vaccinale, vedono un forte ritorno alla crescita nel terzo trimestre con una contenuta espansione nel quarto. Per l’economia francese si prevede di tornare ai livelli pre pandemia, nel primo semestre del 2022.

Per l’Italia le cose non sembrano andar male ma forse peggio rispetto alle altre nazioni colleghe. La crescita è in rialzo rispetto allo scoppio del Covid-19, l’economia resterà inferiore di quasi il 5% rispetto ai valori del 2019, ma si resta in attesa di recuperare per il 2022. Inoltre, un aspetto positivo è che la crescita potrebbe rimanere superiore al potenziale fino al 2026, grazie all’effetto sia del rimbalzo post-pandemico sia del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Italia
Italia

La Spagna spicca il volo grazie ad una crescita che supera la media dell’ Area Euro nel periodo 2021-2022. Dopo esser stata la più colpita dalla crisi pandemica, ora dovrebbe tornare a crescere a partire dal trimestre primaverile e grazie ai progressi in campo sanitario e all’allentamento delle restrizioni. Un’accelerazione della ripresa sarà dovuta soprattutto alla stagione estiva e al piano España Puede, con una crescita che va dal 5,6% nel 2021 al 6,4% nel 2022, ed un ritorno ai livelli pre-Covid verso la seconda metà del prossimo anno.

Spagna
Spagna

Per la ripresa dei Paesi Bassi ci colleghiamo al contesto di instabilità politica: l’attenzione è infatti tutta rivolta alla formazione di un probabile Governo Rutte IV nonostante il calo di popolarità del premier. Anche qui ci si aspetta una crescita del PIL del 2,9% nel 2021 e un’accelerazione al 3,5% nel 2022. Tutto ciò nonostante il peggioramento dei conti pubblici che, anche se consistente non desta molte preoccupazioni.

Paesi Bassi
Paesi Bassi

L’Asia e i problemi derivanti dalla pandemia di Covid 19

Brutte notizie per il Giappone che vede dominare la pandemia su tutto lo scenario economico. Con le due ondate di contagi del 2021 il PIL è stato costantemente in calo per tutta la durata del 1° semestre. La lentezza della campagna vaccinale non ha aiutato, e mantiene i rischi sempre più verso il basso, con una crescita spinta dal canale estero e dall’andamento altalenante della domanda domestica privata.

Giappone
Giappone

In Cina l’attività economica dovrebbe tornare ad accelerare intorno al secondo trimestre visto che nel primo le continue misure di contenimento dei focolai, non hanno aiutato. Il rallentamento atteso degli investimenti indotto soprattutto dalla moderazione del credito però, dovrebbe anche solo in parte, essere compensato da una crescita dei consumi privati e da un contributo positivo del canale estero.

Cina
Cina

Infine purtroppo proprio nel momento in cui l’India attraversava un momento di consolidamento della ripresa e di miglioramento della fiducia, è stata colpita dalla seconda ondata di contagi che ha colpito pesantemente il paese. La risoluzione della situazione pandemica però è già in avanzamento e questo fa si che il miglioramento e l’impatto sull’attività economica, si annuncia sensibile ma è da valutarsi verso il 2° semestre del 2021, resta comunque inferiore a quello del primo lockdown nazionale.

India
India

In un periodo di forte incertezza, affidati a chi da sempre sa come gestire al meglio le situazioni difficili con la capacità di trasmettere ai propri clienti, sicurezza e fiducia. Dai un’occhiata alle nostre opzioni e apri il tuo conto online in modo semplice e veloce.